Parlare dell’esperienza religiosa ai nostri contemporanei, in che modo?

Un interrogativo ricorrente negli ultimi anni è quello sul linguaggio religioso. Come parlare dell’esperienza religiosa in modo da renderla rilevante per i nostri contemporanei? Qual è il linguaggio che può offrire all’annuncio della fede una ritrovata e necessaria freschezza? Come rompere con le forme di espressione che hanno perso leggibilità e si sono consunte con l’andar del tempo? È un dibattito di importanza non secondaria, poiché sgorga da un problema fulcrale: quello della trasmissione. Si tratta, evidentemente, di un dibattito che richiede contributi da aree diverse, ma che rappresenta uno dei casi in cui trovo fondamentale ascoltare gli artisti. Ricordo, per esempio, il lavoro pioniere della suora americana Corita Kent. Contemporanea di Andy Warhol e di Rauschenberg, è stata forse la prima artista a introdurre una dimensione religiosa nella Pop Art, ma anche a esplorare il linguaggio della pop art come possibilità per dire Dio. In una scuola di religiose di Los Angeles, Corita utilizzava la tipografìa commerciale e il grafismo della pubblicità per comunicare. Questo il suo stile: ritagliare, incollare e ricomporre il prolifico arsenale della cultura popolare tentando di individuare, ovunque esso fosse, un messaggio di spiritualità. Guardava i pannelli pubblicitari come fossero parabole, e diceva: «Gloria a Dio per i paesaggi urbani: trasudano di segni».

“Proprio ora proprio qui” di José Tolentino Mendoça

Avvenire, 3 marzo 2017

in Blog
Banner
Related Posts

Il grido del rock targato 2018

gennaio 15, 2019

gennaio 15, 2019

L’anno trascorso ha consegnato una manciata di canzoni intrecciate alla spiritualità cristiana, trattando temi come il dolore, il coraggio e...

Il vangelo secondo Bruce Springsteen

dicembre 17, 2018

dicembre 17, 2018

Quel che si ostenta qui è una “qualità” della scrittura di Springsteen. Muoversi, senza rotture, con disinvoltura, tra i campi...

Bíblia e rock: O grito a Deus

gennaio 7, 2019

gennaio 7, 2019

«Boa escuta!» É um desejo singular aquele que Massimo Granieri e Luca Miele dirigem aos leitores. Um convite a escutar...

Ho cominciato a fidarmi del Boss

dicembre 12, 2018

dicembre 12, 2018

Arriva un pacco regalo in convento, dentro c’è il nuovo libro di Luca Miele “Il vangelo secondo Bruce Springsteen” (Edizioni...

Intervista alla Radio Televisione Svizzera

febbraio 19, 2019

febbraio 19, 2019

Luca Miele, giornalista del quotidiano “Avvenire” e Massimo Granieri, sacerdote cattolico, analizzano, nel libro “Il vangelo secondo il rock”, le...

Intervista a RadioinBlu

gennaio 9, 2019

gennaio 9, 2019

“Tg e non solo” condotto da Francesca Lozito su InBlu radio alle 20.36 ospita padre Massimo Granieri, passionista, autore con...

Intervista a Radio Beckwith

gennaio 15, 2019

gennaio 15, 2019

Luca Miele e don Massimo Granieri ci raccontano il loro libro “Il Vangelo secondo il rock”, edizioni Claudiana. Uscito nel...

Se i giovani non valgono un cazzo, gli anziani cosa ci hanno lasciato?

dicembre 13, 2018

dicembre 13, 2018

“Io sono la resurrezione e la luce, non potrei mai odiarvi come vorrei” Dalla torre del municipio di Manchester in...

Una playlist per Papa Francesco

dicembre 17, 2018

dicembre 17, 2018

Per gioco ho scovato brani dal mio archivio personale per metterli in parallelo con alcuni temi discussi dal Papa nel suo...

La musica è il mezzo con cui superare le avversità della vita e ritemprare lo spirito

gennaio 15, 2019

gennaio 15, 2019

Buona sera a tutti e benvenuti!  Un doveroso saluto al Padre Arcivescovo S.E. Mons. Nolè per la sua autorevole presenza,...

Intervista a Radio Rai Tre

gennaio 10, 2019

gennaio 10, 2019

In questa musicalissima puntata natalizia di “Uomini e profeti” del 22 dicembre 2018 in onda su Rai Radio 3, Armando...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.